Happy Friday

SII CIO’ CHE AMI DAVVERO

04.05.2018

A quante di voi è successo di iniziare un percorso del quale si era assolutamente convinte, per capire dopo tanto tempo che, nonostante l’energia e l’impegno, questo non vi rendeva felici e serene?

Se ripenso al mio passato, vedo tante, troppe scelte sbagliate. Oggi però sono in grado di riconoscerle come frutto di un’esperienza che ha dato forma a ciò che sono in questo momento. Perchè vedete sbagliare percorso, sbagliare scelte è parte della vita e colpevolizzarsi porta soltanto a vivere in uno stato di mezzo, negativo e senza senso.

Riflettendo e cercando di imparare dai miei errori sono arrivata ad una conclusione: avevo smesso di ascoltarmi e di farmi le domande giuste … o forse non avevo mai iniziato.

Tante, troppe volte cerchiamo le cause delle nostre insoddisfazioni all’esterno, stravolgendo rapporti, cambiando cose, senza sentire poi davvero i benefici che cercavamo. Così torna alla ribalta la citazione della vita: “Il segreto è stare bene con se stessi. Solo allora, ovunque andrai, sarà il posto più bello del mondo.” 

E dunque la domanda vera è: ti stai ponendo le giuste domande?

  • Chi vuoi essere?
  • Cosa vuoi ottenere?
  • Quali sono le tue priorità?
  • Sei felice del tuo stile di vita?

Qualche anno fa passavo le mie giornate in palestra, alzandomi all’alba con pochi pensieri nella testa: le mie sessioni di allenamento, il mio piano alimentare e il mio lavoro. All’epoca gli unici viaggi che facevo erano dedicati alle gare, e il resto? Beh i soldi non bastavano mai, ma la cosa che più mi bloccava era il fatto che non avrei potuto allenarmi e mangiare come dicevo io. Scorrevano i giorni, mesi e anni, e la monotonia si impadroniva di me e della mia vita. Sentivo di aver bisogno di uscire da quella realtà, ma allo stesso tempo mi sentivo parte di quel mondo, nel quale mi sentivo accettata e migliore di tanti altri. Era la mia comfort zone, oltre mi sentivo un pesce fuor d’acqua. In tutto questo, ma io? Cosa provavo davvero? Se ripenso a quegli anni ho sicuramente ricordi bellissimi e tante soddisfazioni, ma non ero felice e nemmeno tanto coraggiosa da mollare tutto e provare a cambiare. Nonostante le giornate iniziassero male, lo specchio fosse il mio peggior nemico che rifletteva una me che stentavo a riconoscere, sapevo solo chiudere gli occhi e guardare altrove. Mi lamentavo, eccome se lo facevo! Mi lamentavo talmente tanto che pensavo di essere in grado di fare solo quello. Sapete qual è stato il momento di svolta? Essere esausta del mio lamento. Questo mi ha portato a dire basta, e passo dopo passo ho iniziato a riprendere consapevolezza di me stessa, dei miei desideri e delle mie esigenze. Non mi sono illuminata in un giorno di sole e ho deciso di cambiare vita, nessuna rivelazione in realtà. Ho iniziato a muovermi, ad uscire dalla prigione d’oro che mi ero costruita. Le nostre azioni hanno potere solo quando siamo davvero pronte ad affrontarle, con tutte le conseguenze del caso. Così è iniziata la mia trasformazione, non solo fisica, ma della mia vita.

Tante di voi mi scrivono spinte proprio dal mio cambiamento fisico. Ho preso spunto dalle vostre domande e racchiuso in 10 punti alcune riflessioni che spero possano esservi utili:

  1. Poniti le domande giuste. Non aver paura delle risposte. Temi lo spreco di tempo ed energie per qualcosa a cui non credi davvero.
  2. Non pensare a ciò che vogliono gli altri. Non esiste il fisico giusto o sbagliato. Esisti tu e ciò che ti fa stare bene.
  3. Scegli una guida che ti accompagni verso il tuo obiettivo. Un professionista di cui ti fidi e che possa tirarti fuori la grinta e la motivazione per raggiungere ciò che ti sei prefissata.
  4. Non lamentarti della tua genetica. Questa è importante davvero, ma lavoro con centinaia di donne ed è incredibile come i loro corpi rispondano in maniera completamente diversa ad uno stesso stimolo. Imparare a conoscersi e ad accettarsi è alla base per iniziare un percorso.
  5. Prova. Sbaglia e riprova. Non arrenderti alla prima difficoltà, ma prova a cercare una soluzione alternativa.
  6. Il volume di allenamento non va di pari passo con l’ottenere i migliori risultati. La maggior parte delle donne, me compresa, se si allena tutti i giorni, mantenendo una dieta normo calorica, con qualche sgarro, tenderà a trattenere acqua e a percepire il proprio corpo tozzo e non definito. Quel volume in realtà non è solo muscolo – magari! – ma il risultato di massa grassa + massa magra + acqua corporea (intra ed extra cellulare). Credere che allenarsi di più limiti i danni di sgarri o pasti non proprio sani è la peggior bugia che puoi raccontarti.
  7. Non esiste un solo metodo di allenamento. Ognuna di noi risponde a stimoli e modalità di allenamento diverso. Sperimenta, ma fatti guidare. Personalmente ho capito che con la mia genetica e con l’idea di fisico che voglio avere non mi devo allenare in palestra più di 3 volte alla settimana. Non mi alleno in giorni vicini e se non voglio restare ferma opto nei giorni di mezzo  per un’attività cardio ad un ritmo blando possibilmente all’aperto.
  8. Concentrati sui tuoi punti deboli: tutte noi abbiamo parti del corpo più sviluppate di altre per via del nostro passato sportivo o della genetica. Personalmente io non amo i miei quadricipiti perché con il CrossFit li ho sviluppati molto sia con il volume di lavoro, sia con i carichi. Ad oggi non introduco più nei miei allenamenti esercizi specifici per quel muscolo e non sento il bisogno di grandi carichi per eseguire squat e affondi. Se anche tu sei quadricipite dominante evita questi esercizi troppo spesso: squat, affondi, leg extension. Se invece sei una neofita ti consiglio assolutamente di inserire questi esercizi e capire se limitarli solo dopo aver capito come reagisce il tuo corpo.
  9. Basse o alte ripetizioni? Dipende dal tuo obiettivo. Quando facevo CrossFit usavo le basse ripetizioni per le sessioni di forza e utilizzavo lunghi recuperi tra le serie, anche 3/4’. Questo mi permetteva ovviamente di alzare e aumentare i carichi. Non è però assolutamente vero che il muscolo cresce solo con questo tipo di ripetizioni.
  10. Se ti senti stanca , recupera. Il mio corpo ha cominciato a perdere acqua proprio quando ho iniziato ad ascoltarlo e a rilassarmi. So che tante di voi lavorano tanto in piedi o stanno tutto  il giorno sedute, ma ricordate di concentravi a fare il meglio che potete fare nelle cose che dipendono da voi.

Happy Friday

SII CIO’ CHE AMI DAVVERO

04.05.2018

A quante di voi è successo di iniziare un percorso del quale si era assolutamente convinte, per capire dopo tanto tempo che, nonostante l’energia e l’impegno, questo non vi rendeva felici e serene?

Se ripenso al mio passato, vedo tante, troppe scelte sbagliate. Oggi però sono in grado di riconoscerle come frutto di un’esperienza che ha dato forma a ciò che sono in questo momento. Perchè vedete sbagliare percorso, sbagliare scelte è parte della vita e colpevolizzarsi porta soltanto a vivere in uno stato di mezzo, negativo e senza senso.

Riflettendo e cercando di imparare dai miei errori sono arrivata ad una conclusione: avevo smesso di ascoltarmi e di farmi le domande giuste … o forse non avevo mai iniziato.

Tante, troppe volte cerchiamo le cause delle nostre insoddisfazioni all’esterno, stravolgendo rapporti, cambiando cose, senza sentire poi davvero i benefici che cercavamo. Così torna alla ribalta la citazione della vita: “Il segreto è stare bene con se stessi. Solo allora, ovunque andrai, sarà il posto più bello del mondo.” 

E dunque la domanda vera è: ti stai ponendo le giuste domande?

  • Chi vuoi essere?
  • Cosa vuoi ottenere?
  • Quali sono le tue priorità?
  • Sei felice del tuo stile di vita?

Qualche anno fa passavo le mie giornate in palestra, alzandomi all’alba con pochi pensieri nella testa: le mie sessioni di allenamento, il mio piano alimentare e il mio lavoro. All’epoca gli unici viaggi che facevo erano dedicati alle gare, e il resto? Beh i soldi non bastavano mai, ma la cosa che più mi bloccava era il fatto che non avrei potuto allenarmi e mangiare come dicevo io. Scorrevano i giorni, mesi e anni, e la monotonia si impadroniva di me e della mia vita. Sentivo di aver bisogno di uscire da quella realtà, ma allo stesso tempo mi sentivo parte di quel mondo, nel quale mi sentivo accettata e migliore di tanti altri. Era la mia comfort zone, oltre mi sentivo un pesce fuor d’acqua. In tutto questo, ma io? Cosa provavo davvero? Se ripenso a quegli anni ho sicuramente ricordi bellissimi e tante soddisfazioni, ma non ero felice e nemmeno tanto coraggiosa da mollare tutto e provare a cambiare. Nonostante le giornate iniziassero male, lo specchio fosse il mio peggior nemico che rifletteva una me che stentavo a riconoscere, sapevo solo chiudere gli occhi e guardare altrove. Mi lamentavo, eccome se lo facevo! Mi lamentavo talmente tanto che pensavo di essere in grado di fare solo quello. Sapete qual è stato il momento di svolta? Essere esausta del mio lamento. Questo mi ha portato a dire basta, e passo dopo passo ho iniziato a riprendere consapevolezza di me stessa, dei miei desideri e delle mie esigenze. Non mi sono illuminata in un giorno di sole e ho deciso di cambiare vita, nessuna rivelazione in realtà. Ho iniziato a muovermi, ad uscire dalla prigione d’oro che mi ero costruita. Le nostre azioni hanno potere solo quando siamo davvero pronte ad affrontarle, con tutte le conseguenze del caso. Così è iniziata la mia trasformazione, non solo fisica, ma della mia vita.

Tante di voi mi scrivono spinte proprio dal mio cambiamento fisico. Ho preso spunto dalle vostre domande e racchiuso in 10 punti alcune riflessioni che spero possano esservi utili:

  1. Poniti le domande giuste. Non aver paura delle risposte. Temi lo spreco di tempo ed energie per qualcosa a cui non credi davvero.
  2. Non pensare a ciò che vogliono gli altri. Non esiste il fisico giusto o sbagliato. Esisti tu e ciò che ti fa stare bene.
  3. Scegli una guida che ti accompagni verso il tuo obiettivo. Un professionista di cui ti fidi e che possa tirarti fuori la grinta e la motivazione per raggiungere ciò che ti sei prefissata.
  4. Non lamentarti della tua genetica. Questa è importante davvero, ma lavoro con centinaia di donne ed è incredibile come i loro corpi rispondano in maniera completamente diversa ad uno stesso stimolo. Imparare a conoscersi e ad accettarsi è alla base per iniziare un percorso.
  5. Prova. Sbaglia e riprova. Non arrenderti alla prima difficoltà, ma prova a cercare una soluzione alternativa.
  6. Il volume di allenamento non va di pari passo con l’ottenere i migliori risultati. La maggior parte delle donne, me compresa, se si allena tutti i giorni, mantenendo una dieta normo calorica, con qualche sgarro, tenderà a trattenere acqua e a percepire il proprio corpo tozzo e non definito. Quel volume in realtà non è solo muscolo – magari! – ma il risultato di massa grassa + massa magra + acqua corporea (intra ed extra cellulare). Credere che allenarsi di più limiti i danni di sgarri o pasti non proprio sani è la peggior bugia che puoi raccontarti.
  7. Non esiste un solo metodo di allenamento. Ognuna di noi risponde a stimoli e modalità di allenamento diverso. Sperimenta, ma fatti guidare. Personalmente ho capito che con la mia genetica e con l’idea di fisico che voglio avere non mi devo allenare in palestra più di 3 volte alla settimana. Non mi alleno in giorni vicini e se non voglio restare ferma opto nei giorni di mezzo  per un’attività cardio ad un ritmo blando possibilmente all’aperto.
  8. Concentrati sui tuoi punti deboli: tutte noi abbiamo parti del corpo più sviluppate di altre per via del nostro passato sportivo o della genetica. Personalmente io non amo i miei quadricipiti perché con il CrossFit li ho sviluppati molto sia con il volume di lavoro, sia con i carichi. Ad oggi non introduco più nei miei allenamenti esercizi specifici per quel muscolo e non sento il bisogno di grandi carichi per eseguire squat e affondi. Se anche tu sei quadricipite dominante evita questi esercizi troppo spesso: squat, affondi, leg extension. Se invece sei una neofita ti consiglio assolutamente di inserire questi esercizi e capire se limitarli solo dopo aver capito come reagisce il tuo corpo.
  9. Basse o alte ripetizioni? Dipende dal tuo obiettivo. Quando facevo CrossFit usavo le basse ripetizioni per le sessioni di forza e utilizzavo lunghi recuperi tra le serie, anche 3/4’. Questo mi permetteva ovviamente di alzare e aumentare i carichi. Non è però assolutamente vero che il muscolo cresce solo con questo tipo di ripetizioni.
  10. Se ti senti stanca , recupera. Il mio corpo ha cominciato a perdere acqua proprio quando ho iniziato ad ascoltarlo e a rilassarmi. So che tante di voi lavorano tanto in piedi o stanno tutto  il giorno sedute, ma ricordate di concentravi a fare il meglio che potete fare nelle cose che dipendono da voi.

Articoli correlati

Happy Friday

LASCIA ANDARE LA FRUSTRAZIONE

20.07.2018

Leggi

Happy Friday

OSSERVA IL DISAGIO. ACCETTALO, MA AGISCI.

16.11.2018

Leggi

Happy Friday

INFLUENZARE E LASCIARSI INFLUENZARE

26.04.2019

Leggi

Articoli correlati