Le storie di SGP

Elena

20.07.2021

Sono quasi sempre stata magra ma ho avuto un peso ballerino molto spesso e ho preso ben 18 kg in gravidanza.

Sono stata anche una pigrona per tutta la vita.

Ho provato ad allenarmi, ma senza trovare costanza e risultati e convincendomi di non essere portata per un determinato stile di vita.

Ho scoperto di avere l’ipotiroidismo di Hashimoto e combatto con il reflusso gastroesofageo e con le intolleranze a glutine, ai latticini e agli alimenti fermescentibili che mi limitano moltissimo nella libertà col cibo.

Insomma, sono un essere umano ed ho le mie cicatrici come ognuna di noi.

Eppure quando prima di SGP vedevo altre persone in forma non mi sono mai cullata in alibi.
Non ho mai pensato che gli altri fossero più fortunati di me.
Li ho sempre guardati con quell’invidia sana che si chiama ammirazione, e al limite convincendomi che avessero quel quid in più che a me mancava.

SGP mi ha cambiata fuori, ma soprattutto dentro.
Non so se serva a qualcosa, se accenda in qualcuno la speranza che non siamo immutabili, ma ci provo.
Perché gli alibi sono dei paraocchi che inibiscono l’evoluzione.
Perché non esiste il tempo mancante, esistono le priorità.
E quando la tua priorità torni ad essere tu (o, come nel mio caso, lo sei per la prima volta), quando assapori i benefici di uno stile di vita sano, allora le possibilità si moltiplicano e non vuoi tornare più indietro.

Le storie di SGP

Elena

20.07.2021

Sono quasi sempre stata magra ma ho avuto un peso ballerino molto spesso e ho preso ben 18 kg in gravidanza.

Sono stata anche una pigrona per tutta la vita.

Ho provato ad allenarmi, ma senza trovare costanza e risultati e convincendomi di non essere portata per un determinato stile di vita.

Ho scoperto di avere l’ipotiroidismo di Hashimoto e combatto con il reflusso gastroesofageo e con le intolleranze a glutine, ai latticini e agli alimenti fermescentibili che mi limitano moltissimo nella libertà col cibo.

Insomma, sono un essere umano ed ho le mie cicatrici come ognuna di noi.

Eppure quando prima di SGP vedevo altre persone in forma non mi sono mai cullata in alibi.
Non ho mai pensato che gli altri fossero più fortunati di me.
Li ho sempre guardati con quell’invidia sana che si chiama ammirazione, e al limite convincendomi che avessero quel quid in più che a me mancava.

SGP mi ha cambiata fuori, ma soprattutto dentro.
Non so se serva a qualcosa, se accenda in qualcuno la speranza che non siamo immutabili, ma ci provo.
Perché gli alibi sono dei paraocchi che inibiscono l’evoluzione.
Perché non esiste il tempo mancante, esistono le priorità.
E quando la tua priorità torni ad essere tu (o, come nel mio caso, lo sei per la prima volta), quando assapori i benefici di uno stile di vita sano, allora le possibilità si moltiplicano e non vuoi tornare più indietro.

Articoli correlati

Le storie di SGP

Elena

02.12.2020

Leggi

Le storie di SGP

Luana

09.06.2020

Leggi

Le storie di SGP

Giulia

29.10.2020

Leggi

Articoli correlati